Quand´è belle a jì´n campagne
quand´è tempe de vellegne
nche l´addore de gramégne
e lu ciucce a rajjà.

E pe´ cantà ci vuleva zi´ Nicola
lu ciucciarelle garbate e belle
nen se stanche de cantà.

leve dritte pe´ strada nova
ieve sotta a la trainelle
ieve càreche de rafanielle
e lu ciucce a rajjà.

E pe´ cantà...

Chi lu tira pe´ la coda
chi lu tira pe´ la capezze.
Mamma mia che cuntentezze
e lu ciucce a rajjà.

E pe´ cantà..

Traduzione: Quando è tempo di vendemmia,/ c´è l´odore di gramigna/ e l´asino raglia./ E per cantare ci voleva zio Nicola,/ L´asinello garbato e bello,/ che non si stanca di trottare./ Andava dritto per una strada nuova,/ trascinava un carretto/ con un carico di ravanelli/ e l´asino raglia./ E per cantare.../ Chi lo tira per la coda,/ chi lo tira per la cavezza,/ o mamma mia che contentezza/ e l´asino raglia./ E per cantare...