« Cchiù luntana me staje, cchiù vicino te sento
chi sa a cchistu momento tu a ca piense, che faje?
Tu m'he mise dint'e vvene, 'nu veleno ca è ddoce
nun me pesa 'sta croce, ca je trascino pe' tte

Te voglio, te penso, te chiammo
te veco, te sento, te sonno
è 'n'anno, ce piense ca è 'n'anno
ca 'st'uocchie nun ponno cchiù pace truvà?

E cammino e cammino, ma nun saccio a ddo' vaco
je so' sempe 'mbriaco, e nun bevo maje vino
Aggio fatto 'nu voto 'a Madonna d'a neve
si me passa 'sta freva, oro e perle Le do.


Traduzione:
« Più sei lontana, più ti sento vicina
chissà in questo momento a cosa pensi, cosa fai?
Mi hai messo nelle vene un veleno che è dolce,
ma non mi pesa questa pena che sopporto per te.

Ti voglio, ti penso, ti chiamo
ti vedo, ti sento, ti sogno
è un anno, ci pensi che è un anno
che questi occhi non possono più ormai pace trovar?

E cammino e cammino, ma non so dove vado
sono sempre ubriaco, ma non bevo mai vino
Ho fatto un voto alla Madonna della neve,
se mi passa questa febbre oro e perle Le do. »