1. Fatece largo che passamo noi,
'sti giovanotti de 'sta Roma bella,
semo regazzi fatti cor pennello
e le ragazze famo innamorà.
e le ragazze famo innamorà.

Ma che ce frega, ma che ce 'nporta
se l'oste ar vino ci ha messo l'acqua,
e noi je dimo, e noi je famo,
ci hai messo l'aqua e nun te pagamo, ma però:
noi semo quelli che j'arrisponnemo 'n coro,
è mejo er vino de li Castelli,
e de 'sta zozza società.

2. E si per caso la socera more,
se famo du' spaghetti amatriciana,
bevemo 'n par de litri a mille gradi
s'ambriacamo e 'n ce penzamo più.
s'ambriacamo e 'n ce penzamo più.

Che ciarifrega, che ciarimporta…

3. Ce piaceno li polli, l'abbacchi e le galline
perché so' senza spine,
num so' come er baccalà;
la società dei magnaccioni,
la società de 'sta gioventù,
a noi ce piace de magnà e beve,
e nun ce piace de lavorà: oste!

Portece 'naltro litro, che noi se Io bevemo,
e poi jarisponnemo: Embé, embé? Che c'è?
E quando er vino - embé - ciarriva ar gozzo -
embè - ar gargarozzo - embè - ce fà 'n ficozzo
- embè - pe' falla corta, pe' falla breve,
mio caro oste portace da beve, da beve, da beve, olè!

(La terza strofa é sostitulbile a piacere con la seguente)
E si per caso vi è er padron de casa,
de botto te la chiede la piggione
e noi jarisponnemo a sor cojone:
T'amo pagato e 'n te pagamo più!
T'amo pagato e 'n te pagamo più!