Pecché, quanno mme vide,
te ‘ngrife comm’a gatto?
Nenne’, che t’aggio fatto,
ca nun me puo’ vedé?
Io t’aggio amato tanto...
Si t ‘amo, tu lo ssaje!

Io te voglio bene assaje
e tu non pienze a me!
Io te voglio bene assaje
e tu non pienze a me!

La notte tutti dormono,
ma io che vuo’ durmire?
Penzanno a nénna mia,
mme sento ascevolì!
Li quarte d’ora sanano
a uno, a duje, a tre...

Io te voglio bene assaje
e tu non pienze a me!
Io te voglio bene assaje
e tu non pienze a me!

Quanno so’ fatto cennere,
tanno mme chiagnarraje...
Sempe addimmannarraje:
Nennillo mio addó’ è?
La fossa mia tu arape
e llà mme trovarraje...

Io te voglio bene assaje
e tu non pienze a me!
Io te voglio bene assaje
e tu non pienze a me!


Traduzione:
Perché quando mi vedi,
ti innervosisci come un gatto?
Bimba che ti ho fatto,
che non mi puoi più vedere?
Io ti ho amato tanto,
se ti amo tu lo sai.

La notte tutti dormono,
ma io, che vuoi che dorma?
Pensando alla mia donna,
mi sento venir meno.
I quarti d'ora suonano
a uno, a due, a tre.

Quando sarò diventato cenere,
allora mi piangerai
allora domanderai:
"Il mio amore dov'è?!
Aprirai la mia fossa
e là mi troverai.