Rose! Che belli rrose...Torna maggio!
Sentite ‘addore ‘e chisti sciure belle!
Sentite, comme cantano ll ‘aucielle...
E vuje durmite ancora? I’ che curaggio!

Aprite ‘sta fenesta, oje bella fata,
ché ll’aria mo s’è fatta ‘mbarzamata:
ma vuje durmite ancora, i’ che curaggio!
Rose! Che belli rrose... Torna maggio!

Rose! Che belli rrose... ‘A n’anno sano,
stóngo strujenno ‘e pprete ‘e chesta via!
Ma vuje nun v’affacciate... Uh, mamma mia!
I’ nun mme fido ‘e sta da vuje luntano...

E si ve sto luntano quacche ghiuorno,
pare ca vuje mme state sempe attuorno...
Ca mme parlate e mm’astrignite ‘a mano...
Rose! Che belli rrose! È n’anno sano...

Rose! Che belli rrose ... E vuje durmite!
Ma nun ve sceta stu prufumo doce?
‘E primmavera nun sentite ‘e vvoce?
Ma vuje, core ‘mpietto, ne tenite?

Vocca addirosa comm’a na viola!
‘A primmavera mia site vuje sola!
Ma chesta voce vuje nun ‘a sentite?
Rose! Che belli rrose... E vuje durmite!