Re Arduin a ven da Turin
Ven da la guera l’è stai ferì
Ven da la guera l’è stai ferì

O mamma mia preparmi ‘l let
La certa noira e i linsöi di lin

O mamma mia cosa diran
Le fije bele ca na stan lì

O no no no parla en tan
La nostra nora l’à avù n’infan

O mamma mia disimi ‘n po’
Che i panatè a na piuren tan

A l‘àn brüsà tüti i biciulan
L‘è par sulì c’a na piuren tan

O mamma mia cosa diran
Perché da morto na sunen tan

Sarà mort prinsi o quai signor
Tüte le cioche a i fan unur

Re Arduin a ven da Turin
L‘è ndà a la guera l’è stai ferì

O tera freida apriti qui
Ch io vada col mio marì

Traduzione:
Re Arduino viene da Torino
viene dalla guerra è stato ferito

O mamma mia preparami il letto
la coperta nera e le lenzuola di lino

O mamma mia cosa diranno
le figlie belle che stanno lì

O non parlar tanto
la nostra nuora ha avuto un bambino

o mamma mia ditemi un poco
perché i panettieri piangono tanto

Hanno bruciato tutti i “biciulan”
è per quello che piangono tanto

O mamma mia cosa diranno
perché da morto suonano tanto

Sarà morto il principe o qualche signore
tutte le campane gli fanno onore

Re Arduino viene da Torino
è andato alla guerra è stato ferito

O terra fredda apriti qui
che io vada con il mio marito.