'Sta guerra 'a fernesch'io si me presento
cu nu prugetto 'ncapo, nnanz"o Rre,
nnanz"o Rre.
« Maistà, songo d"o tale reggimento,
teng' 'a pace minano a me. »
Dice 'o Rre : « Si parle overo
n'hê, 'a dà cunto 'o Ministero.
Hê ammentato quacc'arma nova?
Quacche povere? Quacche palla
ch'addò arriva llà coglie e nchiova?
N'atu gasse p ' e ffà muri?
Quacche nave ca nun affanna
ma, liggiera, va 'ncopp'a ll'onna?
Quacche mina ca fa nzurclì?»

Io, redenno, svelo 'o sigreto...
Isso, allero, me fa : « Giesù...
Acqua mmocca, guardate arreto,
carta bianca, guagliò, fa' tu... »

Sola, vestute 'e sciur' 'e primmavera,
lucente cchiù d' 'o sole, Bella, Bè...
Bella, Bè...
da Napule te parte p' 'a fruntiera,
'nprimma linea, 'nziem'a me.
Oi ccà l'ordine 'e battaglia...
ma 'o nemico già s'abbaglia,
se mpapin"o generale,
perd' 'a mmummera 'o culunnello:
piglia mmano nu cannucchiale,
sbaglia 'o piano pe' te guardà.
Tu t'accuoste, ma cchiù suspira
l'artigliere, ca perde 'a mmira,
e 'o cannone che buò sparà?

'E nemice, cu ll'uocchie 'a fore,
nun cumbatteno manco cchiù.
Carta e penna : l'Imperatore
firma 'a pace ca vuò fa' tu.

Cielo, e che ce vò essere pe' Roma
quanno s' 'e fatta 'a pace, gente... gè?
Gente... gè?
Chiammata a Ccorte, nenna, torna torna,
che superbia vò tenè!
Chi lle dà 'na rosa 'e maggio,
chi se piglia nu passaggio...
'O francese s'ammullechea,
lle fa segno l'americano,
e l'inglese, ca se quartea,
c' 'o binocolo 'a vò guardà...
S'adenocchiano 'e marrucchine,
serbe, griece e montenegrine.
N'africano s' 'a vò vasa...

« Giuvinò, mo me sò stancato, »
lie dicesse cu nu sciassé,
p' 'o Paese me so' prestato,
ma... 'a guagliona me serve a me! »

Traduzione:
Sola, vestita di fiori di primavera,
luminosa più del sole, Bella, Bè...
te ne parti da Napoli per il fronte,
(e vieni) in prima linea, insieme a me.
Ecco l'ordine di battaglia...
ma il nemico già s'abbaglia,
si impappina il generale,
perde il controllo il colonnello:
prende in mano un cannocchiale,
e sbaglia il piano d'attacco per guardarti.
Più ti avvicini e più sospira
l'artigliere, che perde la mira,
e il cannone come può sparare?

I nemici, con gli occhi sbarrati,
non combattono più.
Carta e penna: l'Imperatore
firma la pace che vuoi far tu.

Cielo, e cosa vuoi che accada per le vie di Roma
quando si è fatta la pace, gente... gè?
Chiamata a Corte, la mia innamorata, impassibile,
si mantiene superba!
C'è chi le dà una rosa di maggio,
chi si Finì prende un passaggio...
II francese si sdilinquisce,
le fa cenni l'americano,
e l'inglese, che si profonde in inchini,
col binocolo la vuoi guardare...
Si inginocchiano i marocchini,
serbi, greci e montenegrini.
Un africano la vuol baciare...

« Giovanotto, ora mi sono stancato, »
gli dissi a tutta voce,
« pei. il Paese mi sono prestato,
ma... la ragazza appartiene a me! »