« Chi vo' partì? » dicette 'o capitano.
Io mme facette nnanze
p' 'o primmo, pe' partì...

Screvette a te : « Vaco a muri luntano
pecchè senza speranze,
mm'he fatto assai suffirì... »

Quanno dicette 'o capitano : « Bravo!
Tutt' 'e suldate fosseno accussì!... »
scurnuso 'e me,
sentennolo, penzavo
ca jevo pe' murì
no p' 'a patria : pe' te!...

E ghiette a fa' tutt' 'e cumbattimente.
E mme menavo allero
cchiù nnanze pe' cadè...

« Attiento a te », diceva nu tenente,
« tiene curaggio, è overo,
ma penza pure a te!... »

Mò so sergente e luce na medaglia
'ncopp'a 'stu pietto addò nun tuorne tu
Chi 'o pò sapè
ca dinto a na battaglia
perdevo a giuventù,
no p' 'a patria: pe' te.

Affianco a me cadette nu suldato
ca fuje tirato a sorte.
Spiraje dicenno : « Oj ma'!... »

Vint'anne! Eppò mm'aveva cunfidato
ca si scannava 'a morte
turnava pe' spusà!

E so' turniato io, ca nun so' aspettato,
addò nun mme diciste manco « Addio! »
Torna addu me!
Scurdammoce 'o passato!
Campà vo' 'o core mio;
vo sta' 'n patria, vo a te!...

Traduzione:
« Chi vuole partire? » disse il capitano.
Io mi feci avanti
per primo, per partire...

Ti scrissi: «Vado a morire lontano
perché (sono rimasto) senza speranze,
mi hai fatto troppo soffrire... »

Quando il capitano mi disse: « Bravo!
(Vorrei che) tutti i soldati fossero così!... »
vergognandomi di me stesso,
mentre lo ascoltavo, pensavo
che andavo (volontario) per morire
non per la patria: per te!...

E andai a fare tutti í combattimenti.
E mi buttavo allegro
più avanti, per morire...

« Attento a te, » diceva un tenente,
« hai coraggio, è vero,
ma pensa anche a te!... »

[]

A fianco a me cadde un soldato
che era stato estratto a sorte.
Morì dicendo: « O mamma!... »

Vent'anni! E mi aveva anche confidato
che se fosse scampato alla morte
sarebbe tornato (a casa) Per sposarsi!

E sono tornato io, che non sono atteso,
là dove non mi diceste neanche « Addio! »
Torna da me!
Dimetichiarno il passato!
Il mio cuore vuole vivere;
vuole stare in patria, vuole te!