Maria passa di na sstrata nova,
a porta di n-firraru aperta iera.
«O bbon firraru (e) cchì faciti a st’ura?»
«Fazzu na lància e ttri pungenti chiova».
«O bbon firraru nni li faciti a st’ura».
«O bbona ronna nni lu pozzu fari,
unni c’è Ggesu cci mèttunu a mmia».
«Nni li faciti longhi e nné suttili,
c’ànn’appizzari nna sti carni fini».

Maria ietta na vuci sùpira o scògghiu:
«Chiamàtimi a Ggiuanni ca lu vògghiu,
quantu cci spiu s’è mmortu me Fìgghiu,
quantu cci spiu s’è mmortu me Fìgghiu».

Traduzione:
Maria passa da una strada nuova,
la porta di un fabbro era aperta.
«O buon fabbro cosa fai a quest’ora?»
«Faccio una lancia e tre chiodi pungenti».
«O buon fabbro non fateli ora».
«O buona donna non lo posso fare,
(altrimenti) dove c’è Gesù mettono me».
«Non fateli né lunghi né sottili,
che devono trapassare queste carni delicate».

Maria lancia un grido da uno scoglio:
«Chiamatemi Giovanni, che lo voglio,
gli devo chiedere se è morto mio Figlio».