Mamma nun mi mannari all’acqua sula,
carusa sugnu e mmi mettu a iucari.
Lu ventu mâ ulau la tuvagliula,
m-picciottu schettu mi l’app’a ppigghiari.
Itru mi rissi: «Si ti ncàgghiu sula,
tutti li santi ti fazzu chiamari».
Iu ci rissi: «Nun tengu paura,
picchì mè mamma mi veni a ppigghiari».

Cummari catî persu lu palummu,
chiamati “vitti vitti” ca vi veni.
Lu palummetru iè supra li casi,
chiamati “vitti vitti” ca vi trasi.

Su ttutti di Catania,
su dduci sti citrola.
Signurina accattatili,
facìtivi a nsalata,
ccussì na bbella scialata
vi la putiti fà.
Signurina accattatili,
facìtivi a nsalata,
ccussì na bbella manciata
vi la putiti fà.

Traduzione:
Mamma non mi mandare da sola al fiume,
son giovinetta e mi piace giocare.
Il vento portò via la mia tovaglietta,
un giovanotto celibe me l’ha dovuta raccogliere.
Quello mi disse: «Se ti incontro sola,
ti farò invocare tutti i santi».
Io gli risposi: «Non ho paura,
perché mia mamma mi viene in soccorso».

Commare che avete perso il colombo,
chiamate vitti, vitti che ritorna.
Il piccioncino è sui tetti,
chiamate vitti, vitti che entra a casa vostra.

Sono tutti di Catania,
sono gustosi questi cetrioli.
Signorina comprateli,
fatevi l’insalata,
così una bella festa
ve la potete godere.
Signorina comprateli,
fatevi l’insalata,
così una bella scorpacciata
ve la potete fare.